• Gio. Ott 29th, 2020

Progetti

Riconducendomi alla mia passata esperienza pluriventennale di educatore, mi ripropongo di curare lo sviluppo, sociale, culturale e civile del valore della famiglia anche quando questa si separa.
Tutelare il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre per potersi relazionare, fin dalla primissima infanzia, e potersi così costruire una chiara e solida identità.
Promuovere ed incentivare la creazione di una nuova cultura della separazione, nel rispetto dei diritti di tutti i soggetti coinvolti in particolare per i figli, cercare di fare in modo che possano mantenere relazioni personali e contatti diretti in modo regolare con entrambi i genitori e quindi ricevere cure, educazione, istruzione, affetto da ciascuno di essi.
Mettere in evidenza l’importanza, per un’equilibrata educazione e crescita psicofisica del bambino, la funzione educante di entrambi i genitori in posizione di assoluta eguaglianza di fronte ai figli.
Tutelare e promuovere i diritti dei genitori, donne o uomini, non conviventi e non affidatari, e dei relativi nonni.
Promuovere la cultura della solidarietà a vantaggio delle categorie sociali più svantaggiate e operare per una migliore qualità della vita dei minori a rischio e dei figli dei separati.
Fornire assistenza umana e sociale ai genitori che, per qualsivoglia ragione, si trovino in difficoltà nello svolgimento della funzione naturale di genitori.
Favorire la conoscenza e l’accesso alle iniziative e servizi esistenti in campo sociale.
Fornire informazioni, consulenze, orientamenti, dati, e indicazioni utili alle persone che mi si rivolgono indirizzandole anche verso la Consulenza di personale specializzato
Incidere sulle strutture attraverso una capillare opera di divulgazione, stabilendo regole nuove e più adatte alle necessità dei figli.
Fare emergere, anche a livello mediatico, e affrontare in modo critico e propositivo una casistica di situazioni comunque permesse dalla attuale legislazione e prassi.
Incoraggiare e favorire studi e ricerche.
Evidenziare e combattere ogni forma di discriminazione sessuale nei procedimenti di affidamento dei minori.